Connect with us

Mary Celeste, il mistero della nave fantasma

Mitologia & Storia

Mary Celeste, il mistero della nave fantasma

Mary Celeste è la nave più conosciuta tra quelle fantasma, ancora oggi la sua storia è coperta da mistero.

Mary Celeste è la più famosa tra le navi fantasma. Partì da New York diretta a Genova il 4 novembre del 1872 con un carico di alcool grezzo.

A bordo della nave vi erano, il capitano americano Benjamin Spooner Brigges insieme alla moglie, alla figlia e a altri 8 uomini dell’equipaggio.

L’ultima informazione che si ha sulla nave è del 24 novembre quando, il capitano, registrò l’ultimo messaggio sul diario di bordo. Segnalò di aver visitato le Azzorre e che il tempo era di burrasca.

Dieci giorni dopo, la Mary Celeste fu avvistata mentre andava alla deriva. La nave fu raggiunta dal brigantino mercantile Dei Gratia. I componenti dell’equipaggio salirono a bordo della Mary Celeste e non trovarono nessuno.

Sulla nave non vi erano segni di colluttazione ne oggetti rotti che facessero pensare all’arrivo dei pirati o a una perturbazione.

Tutto era in perfetto ordine, la biancheria era stesa ad asciugare e la colazione era pronta sul tavolo.

Merehouse, il capitano della Dei Gratia, consapevole del valore del carico presente sulla nave, decise di trainarla a riva.

Si fecero numerose ipotesi su cosa potesse essere accaduto ma non si arrivò mai a una soluzione.

La Mary Celeste non poteva essere stata abbandonata durante una tempesta perché sulla nave era tutto in ordine. Non poteva essere successo a causa dei pirati perché, oltre a non esserci segni di lotta, il carico era intatto.

Il motivo dell’abbandono non poteva neanche essere legato all’imbarco di acqua perché, all’interno della nave, ve ne fu ritrovata una quantità del tutto normale per una barca abbandonata da giorni.

Si è anche ipotizzato che l’equipaggio potesse aver alzato un po’ il gomito visto che uno dei barili che trasportava era stato aperto. Ma, anche in questo caso, la teoria venne bocciata, la nave era troppo in ordine.

A infittire il mistero c’è il fatto che la Mary Celeste non poteva aver mantenuto la rotta per 10 giorni senza un equipaggio, qualcuno doveva essere rimasto a bordo.

Ancora oggi, cosa sia successo veramente alla Mary Celeste rimane un mistero.

Avatar

Il Team Editoriale di Searound Magazine vi da il benvenuto.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Mitologia & Storia

To Top